Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
Pomodori colorati per un mondo sempre più colorato!

Margit Lamm è un’agricoltrice biologica dell'Austria settentrionale che ha partecipato insieme ad altri 300 delegati alla prima edizione di Terra Madre Austria, tenutasi il 28 e 29 ottobre scorsi. Facendo riferimento al tema di questo incontro – seminare diversità, coltivare diversità, gustare diversità e distribuire diversità – ci racconta del suo lavoro, la coltivazione di un'ampia varietà di ortaggi a rischio di estinzione.

“Ancora prima che la diversità dei cultivar iniziasse ad affascinarmi, è stata la diversità della vita e del lavoro in fattoria ad attrarmi fortemente: la creatività imprenditoriale, la gestione autonoma delle ore lavorative, la cooperazione sociale, il contributo ecologico e il mio amore personale per l'agricoltura.
Ho ereditato il mio amore per la vita e per il lavoro di campagna dai miei genitori.

Durante i miei studi ho potuto conoscere il mondo della produzione agricola industriale e le abitudini dei consumatori di città come Parigi e Londra. Il mio futuro professionale mi diventava ogni giorno più chiaro: la ricerca di un sistema che potesse garantire al contempo un giusto guadagno ai piccoli agricoltori e un cibo ecologicamente e socialmente giusto ai consumatori.
Seguendo con determinazione questa idea, la coltivazione di varietà rare è stata la chiave del nostro successo. L'ampia varietà di ortaggi rari attrae la gente e può servire a trasmettere il significato e l'importanza della diversità sia sociale sia ecologica e il valore della produzione su piccola scala.

Sperimentando con la diversità nella coltivazione degli ortaggi, e con il marketing diretto, abbiamo potuto far crescere l'interesse per il nostro lavoro nonché la nostra clientela. Le nostre varietà di pomodori ci hanno aiutati molto a guadagnare visibilità nell'Austria settentrionale. Al mercato dei produttori di Steyr e al Südbahnhofmarkt (il mercato della stazione sud) di Linz, attiriamo l'interesse di un vasto pubblico, non solo per i sapori dei nostri prodotti ma anche per le loro particolari caratteristiche culinarie, che rafforzano la fedeltà dei consumatori nei nostri confronti.

La diversità multicolore dei banconi del mercato cattura l'occhio di molti avventori curiosi dell'origine e del significato delle varietà rare. Tuttavia, quando siamo impegnati nella vendita manca spesso il tempo per rispondere adeguatamente alle domande dei clienti. Per questo abbiamo deciso di organizzare nella nostra piccola fattoria di Allhaming, a partire dal maggio 2010, una serie di eventi basati sull'esperienza diretta, in cui spiegheremo la grande importanza delle specie vegetali rare (diversità ecologica) e della salvaguardia dell'agricoltura su piccola scala (diversità sociale).

Durante questi seminari ci occuperemo di argomenti quali la sovranità alimentare, l'indipendenza che deriva dall'utilizzo di specie fertili e dalla produzione autonoma di sementi, l'ingegneria genetica, così come l'importanza sociale e ambientale delle fattorie biologiche locali. Inoltre, svilupperemo e testeremo modelli in cui i consumatori possono sperimentare attivamente la responsabilità di avere in carico l'approvvigionamento alimentare, e presenteremo modelli di investimento ecologico.

La colorata diversità delle cultivar mi aiuta a rafforzare nelle persone la consapevolezza del valore dell'agricoltura locale, su piccola scala, biologica, poiché queste specie veicolano molti messaggi: culinari, politici, sociali ed ecologici. Ogni singolo ortaggio racconta una storia! Considero un mio dovere trasmettere questi messaggi ai miei clienti tramite i miei prodotti, e lo faccio con piacere e dedizione.”



archivio voci Archivio
 
 
 
 
 
 
Notizie di Terra Madre
  Italia - 26/02/2013  
  Nuovi paradigmi contro il land grabbing  
  Gandhi ha affermato che su questa terra ci sono abbastanza risorse per tutti, ma esse non sono sufficienti a causa dell’avidità di pochi: l’avidità genera povertà. Dal 2009 in Africa...
 
   
 Archivio

Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab