Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
 
 Consenso privacy
Comunicati Italia
Il Terra Madre Day in Italia
 
In occasione del Terra Madre Day le condotte Slow Food e le comunità del cibo italiane organizzano centinaia di appuntamenti su tutto il territorio nazionale: cene, spettacoli e dibattiti si affiancano agli incontri dedicati all’educazione, con circa 100 scuole che coinvolgono più di 12 mila bambini, e ai tanti appuntamenti dedicati all’incontro tra culture.
Ecco alcuni esempi delle tante attività presenti nella Penisola (l’elenco completo su: http://www.slowfood.com/terramadreday/pagine/ita/mappa.lasso)


Terra Madre per la rinascita di Giampilieri e Scaletta Zanclea
Messina, 10 dicembre

Un appuntamento, nei territori che hanno subito l’alluvione a ottobre, caratterizzato da due momenti significativi. Il primo, a Giampilieri comincia con una tavola rotonda, con il coinvolgimento di studenti, genitori, anziani e amministratori locali, sui temi del recupero del territorio e sulle strategie di una possibile ripresa dell’economia locale fondata sulla sostenibilità ambientale. Si procede quindi con un gesto pratico, tramandato da generazioni, utile strumento per il contenimento della terra e a basso impatto ambientale: il rifacimento di un terrazzamento e il ripristino di un vecchio muro a secco, con le stesse pietre recuperate sul luogo. Gli studenti presenti provvedono a interrare alcune piante di limone interdonato, Presidio Slow Food, che hanno fanno parte integrante del paesaggio e dell’economia locale. Gli alberi corrisponderanno al numero delle vittime dell’alluvione, così da diventare un luogo della memoria, simbolo di ripristino di un territorio e rappresentativi della volontà di crescita sostenibile nel rispetto di Terra Madre.
A seguire, l’evento si trasferisce nel territorio del comune di Scaletta per l’inaugurazione di un orto scolastico all’interno della scuola elementare e media di Scaletta Zanclea. L’orto è fortemente voluto da Slow Food per avvicinare le giovani generazioni alle tematiche dell’agricoltura e creare una forte comunità con gli insegnanti, genitori e nonni.


Comici figli di Terra Madre – Serata benefica per l’Africa
Milano – Teatro Ciak, 9 dicembre

In occasione del Terra Madre Day, 12 comici protagonisti di Zelig e Colorado Cafè partecipano a una serata speciale, il cui incasso servirà per la nascita di nuovi orti in Africa.
Max Pisu, Claudio Batta, Antonio Cornacchione, Debora Villa, Sergio Sgrilli, Stefano Chiodaroli, Claudia Penoni, Diego Parassole, Pozzoli e De Angelis, Urbano Moffa e i Fatti Così hanno dato la loro amichevole adesione al progetto, rendendosi disponibili a essere protagonisti dello spettacolo “Comici figli di Terra Madre” e a devolvere l’intero incasso ai progetti seguiti da Terra Madre in Africa.
In paesi come il Kenya, la Costa d’Avorio, il Senegal e l’Uganda la sicurezza alimentare è un problema che le comunità locali affrontano ogni giorno. Slow Food, con la rete di Terra Madre, sta infatti lavorando in questi paesi per creare orti scolastici e comunitari, la cui gestione è affidata a cooperative di donne e uomini dei diversi villaggi. I prodotti – ortaggi e cereali di varietà locali – vengono usati per preparare pasti sani nelle mense delle scuole, mentre le eccedenze, vendute al mercato, sono una fonte di reddito aggiuntivo per le famiglie.
I biglietti sono acquistabili in prevendita su www.ticketone.it e la sera dello spettacolo direttamente alla cassa del Teatro Ciak.


Quattro giorni dedicati al Terra Madre Day
Roma, 10/13 dicembre

A tagliare il nastro inaugurale della grande festa che Roma dedica ai valori di Terra Madre il sindaco Gianni Alemanno e il presidente di Slow Food Italia Roberto Burdese. Quattro giorni dedicati in modo particolare all’educazione dei più piccoli che coinvolgerà oltre 2000 ragazzi, con gli Orti in condotta di Roma e la proiezione di film affiancata a laboratori didattici. Per gli adulti, cene con le Osterie capitoline e la presentazione della comunità del cibo dell’Accademia americana di Roma, guidata da Mona Talbott e nuova entrata nella rete di Terra Madre. Il terzo giorno aderisce a “100 piazze per il clima fermiamo la febbre del Pianeta”, promossa da Slow Food, Legambiente e altre 55 associazioni per ribadire i concetti alla base del buono pulito e giusto. Domenica il Terra madre Day si conclude con il Farmer’s Market a ponte Testaccio in cui la Comunità degli orti di Frascati organizza un tipico angolo di osteria dove vivere l’esperienza culinario-degustativa dei Castelli Romani.


Cena al centro della Terra
Bologna, 10 dicembre

Una cena conviviale in cui ai fornelli si ritrovano esponenti di associazioni di tutto il mondo, per ribadire l’importanza del ruolo del cibo quale elemento di incontro fra i diversi popoli: Annassim per il Marocco, 
Ass. Italia-Ungheria per l'Ungheria, Fed. Ass. Filippine per le Filippine,
La Quercia per l'Italia, Ass. Donne Senegalesi per il Senegal, La Gru per il Giappone e Kankurka Kai Kashi per la Colombia. Sulla tavola, in condivisione, si assaggiano in questo menù multiculturale pane arabo e pane montanaro, tè alla menta, vini dei Colli Bolognesi, dolci marocchini e ungheresi. A concludere la serata è chiamato il coro Microcosmos, composto da una sessantina di elementi provenienti dai 5 continenti.
In collaborazione con la Cineteca di Bologna, viene invece realizzato un reading di poeti e scrittori sul tema del cibo. Intervengono, tra gli altri, Anna Albertano, Bruno Brunini, Giorgio Celli e Gregorio Scalise. La lettura è comunque aperta a tutti coloro che vorranno portare un contributo sul tema. I testi dei convenuti verranno raccolti per l'archivio "Ciarui".


Caccia al Tesoro
Bra (Cn), 10 dicembre 2009

La condotta Slow Food dell'Università di Scienze Gastronomiche, in collaborazione con il Comune di Bra e le classi quinte di una scuola elementare della città, organizzano una caccia al tesoro volta alla promozione del consumo locale e sano. I bambini vengono portati a contatto con i produttori per le varie tappe della caccia al tesoro: miele, formaggio, pane, frutta e verdure biologiche, a cui si aggiungono gli incontri con le comunità rumena e marocchina. L’obiettivo dell’iniziativa è duplice: da un lato far capire ai bambini il lavoro che esiste dietro un prodotto sano e fatto "bene"; dall’altro, con degli assaggi, far loro apprezzare il sapore del buon cibo.


Educare al cibo, educare alla vita
Bagno a Ripoli (Fi), 10 dicembre 2009

In tutte le mense delle scuole del comune di Bagno a Ripoli viene servito un pranzo con piatti della tradizione toscana preparati con Presìdi Slow Food oppure con materie prime fornite dagli agricoltori della zona. In tale occasione nelle scuole viene spiegata ai ragazzi, con esempi pratici, la filosofia di questa iniziativa, in modo da renderli consapevoli di quello che mangiano e in modo che si sentano anche loro protagonisti della "comunità del cibo" che si sta costruendo sul territorio. È una dimostrazione dic ome si possa offrire un menù con prodotti locali, quindi più buoni, con un più alto potere nutrizionale e meno inquinanti.


Le pecore nere di Terra Madre
Lucca, 10 dicembre

Una cena presso il ristorante la Pecora Nera, gestito dalla Cooperativa sociale Segni particolari nessuno – facente parte dell'Anffas di Lucca – in cui lavorano attivamente ragazzi diversamente abili. La cena prevede l'utilizzo di materie prime locali e l'incontro con i produttori.


Convivio di Terra Madre
Torino, 12 dicembre

Tra un anno, dal 21 al 25 ottobre 2010, Torino sarà nuovamente invasa da Terra Madre, dalla migliaia di delegati delle comunità agroalimentari di tutto il mondo. Per ricordare i cinque frenetici, ma bellissimi, giorni della passata edizione, per parlarne con il pubblico e per prepararsi ad accoglierli di nuovo, viene organizzato presso il Museo di Scienze Naturali il “Convivio di Terra Madre”, col patrocinio della Città di Torino. Un incontro aperto, in cui ognuno prepara e porta del cibo, da condividere tutti assieme, riproponendo la tradizionale ospitalità e convivialità del mondo contadino.


Mangiare locale: la rivoluzione dei consumi è possibile!
San Gemini (Tr), 10 dicembre

Si tratta di un convegno per l'avvio di una riflessione con le istituzioni, i produttori, le associazioni di categoria, le scuole e i consumatori del territorio della provincia di Terni sui temi dell’agricoltura, della produzione vinicola e delle tecniche di allevamento locali, con l’obiettivo della difesa della biodiversità alimentare e del diritto al piacere a tavola. L’obiettivo è capire se anche in una città come Terni è possibile ricostruire percorsi di filiera corta a vantaggio dei produttori e della spesa dei consumatori. Temi di grande attualità, dunque, che si legano ad importanti prospettive di sviluppo economico per un territorio come quello umbro, e della provincia di Terni in particolare, che deve riscoprire la propria vocazione rurale. Durante la mattinata sarà presentato anche il primo progetto di Presidio Slow Food del ternano: la Fava cottora di Collicello (Amelia) e Frattuccia (Guardea).


A merenda pane, olio e pomodori
Bisceglie (Ba), 10 dicembre

Un panettiere, un frantoiano e dei contadini per una merenda insolita e speciale, preparata a scuola insieme ai bambini. Il pane è quello del Presidio Slow Food di Altamura, condito con l'olio extravergine d'oliva fornito da un frantoio del territorio; "le serte" dei pomodori appesi danno un gusto speciale a una merenda semplice che può – e deve – tornare a essere quotidiana.
 
 
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab