Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
 
 Consenso privacy
Comunicati Italia
L’Emilia Romagna al Salone del Gusto e Terra Madre
 

Anteprima Salone del Gusto e Terra Madre - I delegati palestinesi a Bologna


Sabato 20 ottobre, dalle 9 alle 18, la delegazione della rete di Terra Madre in Palestina parteciperà al Mercato della Terra di Bologna nel cortile del cinema Lumière.


La condotta di Slow Food Bologna, con la collaborazione della Fondazione Slow Food per la Biodiversità e dell’Ong Overseas, ha programmato un’edizione speciale del mercato contadino di Slow Food, per promuovere e sostenere i progetti delle comunità del cibo in Palestina. Il Mercato della Terra di Bologna ha organizzato una lezione di cucina palestinese aperta al pubblico che sarà tenuta dalle cuoche di Beit al Karama, centro socio-culturale di Nablus gestito da sole donne, che – attraverso il cibo – aiuta altre donne e promuove la città come luogo di arte e gastronomia.


Salone del Gusto e Terra Madre (dal 25 al 29 ottobre a Torino, Lingotto Fiere e Oval) dedicano alla Palestina due stand in cui saranno in vendita i prodotti di sette comunità del cibo: dal cous cous di Gerico alle mandorle di Jenin, dai datteri della valle del Giordano alle spezie zaatar e sumac fino al tahini nero.


L’Emilia Romagna al Salone del Gusto e Terra Madre


L’anno appena trascorso sarà ricordato come tra i più difficili e drammatici per l’Emilia Romagna. Dal punto di vista della produzione agroalimentare, il terremoto dello scorso maggio ha messo in ginocchio un distretto in cui era concentrato il 10% del Pil nazionale proveniente dal settore agricolo. Un’area ricca di cantine sociali, sede delle più antiche e prestigiose acetaie italiane e dei magazzini di stagionatura dei formaggi Grana e Parmigiano Reggiano. L’associazione regionale di Slow Food ha costruito per il Salone del Gusto e Terra Madre un programma di eventi e iniziative per riflettere sulla situazione locale e promuovere il lavoro di ricostruzione. Non solo: l’attenzione si concentrerà anche sulla cooperazione e sull’economia sociale, temi cari alla cultura del territorio, con un unico percorso che prende il nome di Ricooperiamo.


Gli appuntamenti organizzati da Slow Food Emilia Romagna e i prodotti del territorio sono a disposizione dei visitatori nell’area regionale nel padiglione 1 di Lingotto Fiere.


Dall’Emilia Romagna al Salone del Gusto e Terra Madre, la storia della comunità del cibo del pane di Ro Ferrarese (Fe), esempio di filiera virtuosa, sostenibile e remunerativa. Gli agricoltori che ne fanno parte applicano il metodo biologico, coltivano vecchie varietà di grani locali a rischio di estinzione producendo le tipiche coppiette ferraresi cotte nel forno a legna, fatte a mano con lievito madre. La testimonianza del loro lavoro è al centro della Conferenza Il pane migliore del mondo, giovedì 25 alle 11,30 presso la Casa della Biodiversità nello spazio Oval, e del Laboratorio del Gusto di domenica 28 alle 17, Facciamo Merenda: pani, salumi e vini d’Italia nel quale le coppie ferraresi sono abbinate ad alcuni Presìdi Slow Food.


I Presìdi Slow Food emiliani e romagnoli al Salone del Gusto e Terra Madre


Quasi tutti i Presìdi Slow Food della rete emiliano-romagnola sono presenti alla manifestazione. Visitando l’area regionale dedicata, nel padiglione 1 di Lingotto Fiere, il pubblico può riconoscerli dal colore arancione della bancarella. Ecco l’elenco completo dei Presìdi Slow Food del territorio presenti:



  • Anguilla marinata tradizionale delle valli di Comacchio - valli di Comacchio nel Parco del Delta del Po Emilia-Romagna (province di Ferrara e Ravenna)

  • Culatello di Zibello - alcuni comuni in provincia di Parma

  • Mariola - aree collinari piacentine fino alla bassa parmense (Pc)

  • Mortadella classica - provincia di Bologna e comuni dell’alto ferrarese

  • Pera cocomerina - comuni dell’Alta Valle del Savio (Fc)

  • Razza suina mora romagnola - province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini

  • Sale marino artigianale di Cervia - Cervia (Ra)

  • Spalla cruda - alcuni comuni in provincia di Parma

  • Vacca bianca modenese - provincia di Modena


Osteria dell’Alleanza e Piazza della pizza


A due anni dall’inaugurazione dell’Alleanza tra cuochi italiani e Presìdi Slow Food, progetto avviato proprio in occasione del Salone del Gusto 2010, i ristoratori emiliani e romagnoli celebrano questa unione nella cucina dell’Osteria dell’Alleanza, al primo piano della galleria visitatori. Ecco gli chef della regione che si alterneranno in preparazioni e ricette che prevedono l’utilizzo dei prodotti contrassegnati dal logo dei Presìdi:



  • Giovedì 25, ore 20,30, Cena a quattro mani, con il Gruppo Diogene della Lanterna di Diogene, Solara di Bomporto (Mo)

  • Venerdì 26, ore 19,30, Alessandra Bazzocchi, osteria La Campanara, Galeata (Fc)

  • Lunedì 29, ore 12,30, Massimo Bena, trattoria Da Massimino, Livergnano Pianoro (Bo)

  • Lunedì 29, ore 13,30, Francesca Mondazzi, trattoria Petito, Forlì


Esordisce quest’anno, nel collegamento tra il padiglione 3 e l’Oval, un nuovo progetto legato all’Alleanza: la Piazza della pizza, in cui più di venti pizzaioli da tutt’Italia si cimentano sul tema tradizione vs innovazione, sfornando la migliore pizza napoletana preparata con prodotti dei Presìdi e ingredienti di primissima qualità.


Ecco gli specialisti della pizza al Salone:



  • Giovedì 25, ore 12, Tre pizze, Due Gatti: il Massimo, con Massimo Gatti, Pizzeria I due gatti, Borgo Val di Taro (Pr), in collaborazione con Molino Quaglia e Università della Pizza di Vighizzolo d’Este (Pd).

  • Sabato 27, ore 18, L’Isola della pizza, con Roberto Di Massa, Associazione Verace Pizza Napoletana, Pizzeria Tonino, Bologna.


Tra i padiglioni del Lingotto e l’Oval, lo spazio delle Cucine di Strada accoglie Slow Food Cesena, che porta la classica piadina romagnola, e l’Osteria del Gran Fritto di Cesenatico (Fc), guidata da Stefano e Andrea Bartolini, con le preparazioni di pesce della riviera. Arricchisce la proposta di Laboratori del Gusto, Appuntamenti a Tavola, Teatri del Gusto tutto il territorio regionale con le sue eccellenze gastronomiche. Ecco gli eventi in cui sono protagonisti chef, prodotti e produttori provenienti emiliano-romagnoli:


Laboratori del Gusto:



  • Giovedì 25, ore 14,30, Prosciutti dei Presìdi Slow Food e Franciacorta Contadi Castaldi. In un virtuale giro d’Italia tra crudi da cosce di razze autoctone, anche la mora romagnola, razza suina ”presidiata” da Slow Food.

  • Giovedì 25, ore 14,30, Coffee break: l’uso innovativo del caffè nelle birre artigianali italiane. L’utilizzo di materie particolari ha da subito caratterizzato molti birrifici artigianali italiani. Tra le tante follie non poteva mancare il caffè, oggetto di autentica venerazione in Italia. In assaggio, anche Sally Brown Baracco del Birrificio del Ducato di Soragna (Pr).

  • Venerdì 26, ore 14,30, Aceto balsamico tradizionale di Modena: la grande alleanza con Presìdi e cuochi. Full immersion in Emilia: l’aceto balsamico, presentato dai produttori del Consorzio, le preparazioni di Paolo Reggiani del ristorante Laghi di Campogalliano (Mo) e le sue ricette con radicchio e lardo di mora romagnola, Antonio Previdi dell’osteria Entrà di Finale Emilia (Mo) e le ricette con la carne della vacca bianca modenese. In abbinamento, il Lambrusco di Modena.

  • Venerdì 26, ore 14,30, Amici acidi: grandi aceti artigianali d’Italia. Marco Pojer, Josko Sirk, Andrea Paternoster, Andrea Bezzecchi e Andreas Widmann portano i partecipanti del Laboratorio nel mondo dell’agro con i loro aceti di vino, uva, frutta, miele, birra e balsamico tradizionale di Reggio Emilia.

  • Venerdì 26, ore 19,30, Le razze bovine autoctone e i vini di piccoli produttori – La maremmana e la bovina romagnola, Presidi Slow Food, e la pezzata rossa d’Oropa sono razze autoctone tutelate. Peppino Tinari, chef di Villa Maiella a Guardiagrele (Ch), le interpreta per la sua cucina insieme a sorsi di Sangiovese romagnolo.

  • Domenica 28, ore 10, Bottura e Lavazza: vieni in Italia con me. Un viaggio in Italia fra le cucine regionali italiane rivisitate dal genio Massimo Bottura, chef della pluripremiata Osteria Francescana di Modena.

  • Domenica 28, ore 14,30, L’eccellenza a tavola: Massimo Bottura e il balsamico della tradizione. Guidati da Massimo Bottura e Luca Gozzoli, gran maestro della Consorteria dell’aceto balsamico tradizionale di Modena, una degustazione di balsamici selezionati in base all’invecchiamento e ai legni delle botticelle in cui hanno riposato.

  • Domenica 28, ore 17, Dalle colline modenesi il gusto senza additivi. Giovanni Montanari, cuoco dell’Osteria Vecchia di Guiglia (Mo), da più di 30 anni è in prima linea per difendere l’agricoltura biologica e la biodiversità locale. Degustazione con i suoi piatti e dialogo sul rapporto tra nutrizione, salute e buona cucina

  • Lunedì 29, ore 14,30, Parmigiano Reggiano e grandi vini. La coppia di pane ferrarese realizzata dalla comunità del cibo di Ro (Fe) accompagna rispettivamente speck di mezzena, gammune di Belmonte e lardo di suino nero dei Nebrodi (Presìdi) e salame rosa di Bologna. In abbinamento anche il Lambrusco di Sorbara.

  • Lunedì 29, ore 14,30, Lunga vita ai rifermentati in bottiglia: Lambruschi a confronto. Antonio Previdi, gestore dell’osteria Entrà di Finale Emilia (Mo), guida una degustazione di vini – giovani e molto vecchi – delle tre principali varietà di Lambrusco: Sorbara, Grasparossa e Salamino.


 


Appuntamenti a Tavola



  • Domenica 28, ore 20,30, America Latina: Terra Madre incontra l’Italia, Hotel Golden Palace – Winner Restaurant, via dell'Arcivescovado 18, Torino: nell’anno in cui Salone del Gusto e Terra Madre si fondono per dare vita a un unico evento che celebra la centralità del cibo, Massimo Bottura propone una cena senza precedenti che unisce il Nord e il Sud del mondo con cinque cuochi latinoamericani.


Teatri del Gusto



  • Domenica 28, ore 19, Cronache golose: i piatti che hanno fatto storia. Valentino Marcattilii e l’uovo in raviolo. Valentino Marcattilii, chef del San Domenico di Imola (Bo) caratterizza la sua cucina con sensibilità verso il territorio e prodotti di qualità. Il mitico uovo in raviolo è solo uno dei piatti di successo di questo grande ristorante.


Al Salone del Gusto e Terra Madre, i Master of Food di Slow Food Educa propongono due corsi per imparare cucinando: Orticultura e Cucina senza sprechi, dedicati alla produzione e al consumo sostenibile e rivolti ai visitatori italiani e stranieri. Tra le attività del Master Cucina senza sprechi, Alessandra e Roberto Casamenti, padroni di casa al ristorante La Campanara di Galeata (Fc) guidano il mini-corso intitolato Piovono polpette.


 


Il Mercato italiano riassume la varietà e ricchezza del patrimonio gastronomico di ciascuna regione: dalle province emiliane e romagnole, il meglio della produzione agroalimentare e non solo.


Aceto



  • Acetaia Del Cristo Società Agricola S.s. - San Prospero (Mo)

  • Acetaia Fabbi Società Agricola ss - Modena

  • Acetaia La Bonissima Srl - Casinalbo di Formigine (Mo)

  • Acetaia Malpighi srl - Modena

  • Agriturismo Acetaia Paltrinieri - Sorbara (Mo)

  • Azienda Agricola Leonardi Giovanni Acetaia Leonardi 1871 - Magreta (Mo)

  • Azienda Agricola Pedroni - Nonantola (Mo)

  • Il Vascello del Monsignore - Cervarezza Terme (Re)

  • La Vecchia Dispensa - Castelvetro di Modena (Mo)


Birra



  • Birra Frara, Colombari Marcello - Ferrara

  • Birrificio Del Ducato, Ducato Distribuzione Srl - Soragna (Pr)

  • White Dog Brewery di Dawson Stephen - Rocchetta di Guiglia (Mo)


Carne



  • Associazione Nazionale Allevatori Bovini di Razza Reggiana - Reggio Emilia


Cereali



  • Associazione Amici del Mulino - Ro Ferrarese (Fe)

  • Kuma di Fabrizio Angelini, Suba Alimentare Srl - Longiano (Fc)


Conservati



  • Gennari e Barbuti di Barbuti Maria e Figli Snc - Collecchio (Pr)

  • La Dispensa di Amerigo Srl - Monteveglio (Bo)

  • Società Agricola Leoni ss - Correggio (Re)


Dolci



  • Babbi srl - Bertinoro (Fc)

  • L’Artigiano dei F.lli Gardini Snc - Forlì (Fc)

  • Majani 1796 spa - Crespellano (Bo)


Formaggi



  • Caseificio Gennari Sergio e Figli Snc - Collecchio (Pr)

  • Compagnia del Montale Srl - Sassuolo (Mo)

  • Consorzio del Formaggio Parmigiano Reggiano - Reggio Emilia

  • Consorzio Vacche Rosse sca, Cvparr - Reggio Emilia

  • Consorzio Valorizzazione Produttori Razza Bianca Modenese - Pompeano di Serramazzoni (Mo)

  • Grana D'Oro Srl - Cavriago (Re)

  • Gruppo A. Bizzozero - San Paolo di Torrile (Pr)


Gastronomia



  • Fresco Piada srl - Riccione (Rn)


Ortofrutta



  • Associazione Culturale Pro Ville - Verghereto (Fc)

  • Azienda Agricola Il Girasole - Albinea (Re)


Pesce



  • Ente di Gestione per i Parchi e la Biodiversità, Delta del Po - Comacchio (Fe)


Sale



  • Parco della Salina di Cervia srl - Cervia (Ra)


Salumi



  • Antica Corte Pallavicina di Terre Verdi Srl - Polesine Parmense (Pr)

  • Antichi Produttori del Culatello di Zibello e della Spalla Cruda - Zibello (Pr)

  • Azienda Agricola Brè del Gallo di Magnani A. e C. snc - Roccabianca (Pr)

  • Fattoria Cà Dante srl - Fanano (Mo)

  • Ferrarini spa - Reggio Emilia

  • Fratelli Rizzieri 1969 di Rizzieri Lorenzo & C. sas - Focomorto (Fe)

  • Natural Salumi Srl - San Biagio di Argenta (Ra)

  • Negrini Salumi sas - Renazzo (Fe)

  • Mezzadri Roberto - Polesine Parmense (Pr)

  • Salumificio Rossi, Ca' Di Parma S.r.l. - Sanguinaro di Fontanellato (Pr)

  • Società Agricola Zavoli ss - Saludecio (Rn)

 
 
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab