Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
In Marocco, in scena la cultura dei nomadi

La nona edizione del Festival des Nomades, organizzata con la collaborazione dei convivium di Slow Food, ha accolto nella provincia di Zagora migliaia di visitatori

A M’hamid El Ghizlane, nel sud-ovest del Marocco, il Festival des Nomades si è concluso pochi giorni fa con un grande concerto e le note vibranti di Moussa Bilalan, celebre chitarrista tuareg proveniente dal Niger. La nona edizione di questa manifestazione dedicata alle culture nomadi, organizzata in collaborazione con i convivium Slow Food locali, ha attirato nuovamente migliaia di visitatori.

“Cerchiamo di presentare diversi tipi di nomadismo” - ha raccontato ai quotidiani locali Noureddine Bougrab, direttore del festival - “Vogliamo avvicinare questa preziosa cultura millenaria al pubblico, che è sempre più lontano da questi stili di vita.”

Quest'anno il festival era dedicato ai prodotti locali tradizionali e artigianali: le rose, i datteri, l'argan, lo zafferano erano al centro delle conferenze e delle degustazioni. Il programma prevedeva poi diversi concerti, con musicisti locali e internazionali, e non è mancata neanche una corsa dei dromedari con la premiazione del miglior allevatore.

I produttori locali hanno allestito decine di stand con i prodotti tradizionali della regione: tra questi si contavano anche i Presìdi Slow Food dello zafferano di Taliouine e dell'olio di argan.

Accanto agli stand, i ragazzi del convivium dell'Università Mohammed V di Rabat hanno presentato il percorso sensoriale.

“Abbiamo proposto delle animazioni che mostrano in modo ludico sia ai bambini che agli adulti come sia possibile avvicinarsi al cibo con maggiore coscienza. Tra 150 e 200 persone hanno seguito il percorso durante il Festival des Nomades.” - commenta soddisfatto Badr Eddine Kartah, 29 anni, fiduciario di questo convivium.

M’hamid El Ghizlane si trova all'estremità dell'oasi del Draa, la più grande del mondo, lunga 240 km e schiacciata tra le dune del Sahara e le cime dell'Atlante.

Il nome della cittadina, ci dice Abdelouahab Elgasmi, produttore di sciroppo di datteri e socio di Slow Food, vuol dire “piana delle gazzelle”: forse erano davvero in molte ad attraversare un tempo questa zona che ultimamente è invece percorsa dalle ruspe.

E' di alcuni giorni fa infatti la notizia che una strada dovrebbe presto attraversare i villaggi dell'area. I lavori sono già iniziati di fronte allo sguardo incredulo degli abitanti: centinaia di palme da dattero, orgoglio e ricchezza di questo ambiente difficile, saranno abbattute senza troppe spiegazioni. La popolazione e le Ong si sono mobilitate e le autorità – secondo il quotidiano L'économiste – hanno promesso dei rimborsi che per il momento però non sembrano arrivare.

Le palme sono alla base dell'economia di questa zona e costituiscono una barriera di fronte all'avanzamento del deserto. I trasformatori di datteri sono una delle 2000 comunità del cibo della rete di Terra Madre: tutte le loro attività ruotano attorno alla palma e il loro prodotto più caratteristico è lo sciroppo di datteri, il rôb, ricco in ferro, magnesio e vitamine del gruppo B.


Per saperne di più:
www.nomadsfestival.org
www.slowfoodmaroc.org

Per saperne di più sulle palme abbattute a M’hamid El Ghizlane: www.leconomiste.com (in francese)


Guarda un video sul Festival des Nomades:

 
 
Notizie di Terra Madre
  Italia - 26/02/2013  
  Nuovi paradigmi contro il land grabbing  
  Gandhi ha affermato che su questa terra ci sono abbastanza risorse per tutti, ma esse non sono sufficienti a causa dell’avidità di pochi: l’avidità genera povertà. Dal 2009 in Africa...
 
     
 Archivio

Notizie Slow Food
  18/04/2014  
  Natale con i tuoi, Pasqua con... Slow Food!  
  Questo #sloweekend ci piace molto perché durerà tantissimo!!! E per augurarvi buona Pasqua e buone vacanze vi diamo appuntamento lungo tutto lo Stivale con le nostre...
 
   
 Archivio
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab