Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
Ue: nuovo quadro strategico in materia di energia e clima

«La nostra ambizione è che a fine anno si possano fare proposte legislative al fine di elaborare obiettivi vincolanti su riduzione delle emissioni, rinnovabili ed efficienza energetica» ha dichiarato il commissario Ue all’energia Günther Oettinger al lancio del Libro Verde ieri a Bruxelles.

L’adozione del Libro Verde rappresenta un primo passo verso l’istituzione di un quadro strategico unionale per le politiche in materia di cambiamenti climatici e energia da oggi al 2030 e dà il via alla consultazione pubblica sui contenutiSi prrosegue dunque lungo il percorso tracciato dalla direttiva sulle energie rinnovabili, adottata nel 2009, che fissa l’obbiettivo del conseguimento entro il 2020 di una quota del 20% di energia prodotta da fonti rinnovabili, e del 10% nel settore dei trasporti. I primi risultati si vedono già, ma la strada da percorrere è ancora lunga. Nel 2010 la quota di rinnovabili nel consumo globale di energia è stata del 12,7%, rispetto all’8,5% nel 2005. Si calcola inoltre che nel 2011 le emissioni di gas a effetto serra siano state inferiori del 16% rispetto ai livelli del 1990. 

 «È necessario definire il più rapidamente possibile il quadro strategico per le nostre politiche in materia di clima ed energia da oggi al 2030, in modo da garantire investimenti adeguati per una crescita sostenibile, prezzi competitivi e accessibili per l’energia e una maggiore sicurezza energetica. Non possiamo certo ignorare la crisi economica che stiamo attraversando, ma questo progetto dovrà essere anche sufficientemente ambizioso per realizzare l’obiettivo di ridurre le emissioni dell’80-95% entro il 2050» ha proseguito Oettinger.

Connie Hedegaard, Commissaria responsabile per l’Azione per il clima, ha aggiunto: «La dipendenza dell’Europa dai combustibili fossili provenienti dai paesi terzi aumenta ogni giorno determinando fatture energetiche sempre più care per i cittadini europei. Tutto ciò non è affatto positivo per la nostra economia e per la nostra competitività. Non dimentichiamo che i Paesi che in questi anni si sono impegnati più di altri nel raggiungimento degli obiettivi su taglio delle emissioni, efficienza energetica e rinnovabili, hanno avuto benefici economici nonostante la crisi».

La consultazione resterà aperta fino al 2 luglio e saranno valutate in autunno. Entro la fine di quest’anno, sulla base delle opinioni espresse da Stati membri, istituzioni europee e portatori di interesse, la Commissione intende proporre il quadro strategico per il 2030.
MIchela Marchi
m.marchi@slowfood.it
Fonte:
Ansa
europa.eu
Foto: flickr/Phlegrean 

Maggiori info: europa.eu

 
 
Notizie di Terra Madre
  Italia - 26/02/2013  
  Nuovi paradigmi contro il land grabbing  
  Gandhi ha affermato che su questa terra ci sono abbastanza risorse per tutti, ma esse non sono sufficienti a causa dell’avidità di pochi: l’avidità genera povertà. Dal 2009 in Africa...
 
     
 Archivio

Notizie Slow Food
  18/04/2014  
  Natale con i tuoi, Pasqua con... Slow Food!  
  Questo #sloweekend ci piace molto perché durerà tantissimo!!! E per augurarvi buona Pasqua e buone vacanze vi diamo appuntamento lungo tutto lo Stivale con le nostre...
 
   
 Archivio
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab