Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
 
 Consenso privacy
MIELE/ I mieli monoflora a difesa della biodiversità
 
Lucio Cavazzoni (Italia)
Sono il presidente di una cooperativa di apicoltori italiani, ma con relazioni con diversi paesi del mondo, in particolare con il centro e sud America. L’incontro di oggi riguarda i mieli monoflora e le strategie di diversificazione dei mieli sia in difesa della diversità, sia in difesa della possibilità di conoscenza da parte dei consumatori della ricchezza enorme e plurale dei mieli prodotti nel mondo.

Richard Spiegel (USA)
Thank you for this opportunity to speak today. I founded and am the owner of Volcanic Island Honey Company. We have 175 colonies of bees and produce a single-flower honey called rare Hawaiian organic white honey. I have been learning to work with this particular honey for 30 years now 1969 as young attorney in W DC, a became a recovering attorney turned hippy. From 1970 to 1974 I lived at the US- Canadian border in sub zero Fahrenheit temperatures, with no electricity and no plumbing, using only wood for cooking and heating. In 1974, I cut myself between the eyes with a chainsaw. I came to began to learn about this unique honey. In 1980 I began selling small amounts of the honey. Now I am a retired hippy-turned businessman/beekeeper. As a businessman, I have retained the values of the 1960s of the hippy movement. Located in the middle of the Pacific Ocean on top of the world’s most active volcano. The honey has a national and international demand. We do all the steps necessary to get the honey to the consumer, from the flower to the honey. It is made from just one type of flower, from a tree called Kiawe. This honey is unique for many reasons. It comes from only one forest. Even though Kiawe trees grow all over the islands, there is one uncultivated, 1,000-acre forest. This forest is unique because it has an underground aquifer, underground irrigation and it is surrounded by lava. The tree normally grows to 20 feet, but in this forest it grows to 60 and even 90 feet. They bloom three to five times a year. The challenge of this honey is that it crystallizes very, very rapidly, right in the comb. If not harvested on time we will loose the honey. When properly handled, the crystals are naturally smooth and creamy. You may taste the samples we brought. Many beekeepers to get crystallized honey in this form will process it, but we do not. This honey naturally crystallizes, but we have to have our timing exact. It is hand picked, one frame at a time, and unheated, so the crystallization process is not disturbed and you don’t get those big, grainy unpalatable crystals. This honey’s crystals are very, very tiny and smooth. Another reason for not heating is to save the helpful enzymes that live in the honey and make it very healthy. If it were heated, we would loose those enzymes. It makes it a living, healthy food. We also do not filter our honey. It is strained through gravity. The helpful particles of pollen and propolis remain in the honey. Nothing synthetic or toxic has been applied, to the earth, the trees, the flowers, the bees or the hives at any stage. Our honey is certified organic by Quality Assurance International, a third-party organic certifier.
Regarding the uncommon philosophy that I spoke of, I believe that it is more than a unique forest and the meticulous process that creates our honey. We apply an old yet uncommon philosophy in our business. We believe that the source of the honey and the deep intention the beekeeper and those who work with the honey add to the unique quality and taste of the honey. Who we are and how we do it adds to what the honey is. Hawaii is a unique and magical place. We intend to share a taste of the magic of this particular island in the Pacific. At Volcano Island Honey we employ a business philosophy and intention that is not bottom line centered. It is not about money, but about integrity and awareness for nature and for people. While we need to make a profit to continue producing this world-class food treasure, profit is not our ultimate focus. We intend to manage the bees, harvest, extract and bottle the honey in the most conscious natural and healthy way possible. We feel very lucky and fortunate to work with such a marvelous honey. That Terra Madre offers this honey and nectar up for free: with our hard work and integrity, we have a product. To acknowledge so few people who live and work with the earth on this earth, to acknowledge that the earth offers all of these resources at no charge. We do that whenever we work. This is the uncommon and yet old philosophy that we work with, to put it into the food that we produce. We believe that our energy and intention will be infused into the honey and available in a subtle and seed form for all who eat the honey. Therefore, we intend to be in the highest state of conscientiousness that we can be in when work with the honey and the bees. Volcano Island Honey is committed to environmental and social responsibility. For example, for our nine employees, we have adopted a four day-work week, which is much healthier. We provide periodic massages for all employees. After such sweaty hard work with the bees, you are paid to go swim in the ocean and clean off and rejuvenate. You are paid to meditate and walk in nature. All of these things we provide to our employees. Because we think it adds to the quality of what we’re doing. And it seems the right way to do things. We also get together and discuss philosophy, events and politics. We practice collaborative decision making for big decisions. For our community we provide a 75% discount off retail, for the people that live on our island. We believe that the honey belongs to the island. If I ship and sell all our honey to Japan, New York, Chicago and LA, then no one gets our honey locally. So we make sure that it is always available for the local community. We donate .5% of our gross income to social, educational and environmental causes. We do educational tours for local schools, interested local residents and the many tourists that come to Hawaii. We donate our honey to local non-profit organizations for their fundraising. We have a beekeeping apprentice program. So the topic today, the promotion of a single flower honey as a means of defending biodiversity, is a very awkward subject for me. While I certainly promote a single floral honey, I never thought of it as promoting biodiversity. I thought of it as defending one unique forest of these trees that it threatened by development. So, in general, it you are doing single floral honey, it takes 8,000 -16,000 acres of one flower to create a single flower honey. That pushes us towards big corporations looking for one kind of honey at low prices to sell for high prices. In my situation, as a small artisan beekeeper, we have a forest that is perfect for tourist development, right in the middle where hotels could be built. I have created a demand for this honey that gives me a leverage to say “don’t cut down this forest”. Without having an international honey, if I go to an international developer or the government and say “Don’t cut down this forest”, they look at me like I’m crazy. But when I have an international product that brings income into the state, they listen. Just one week before I came here, after 20 years of fighting, I was finally given permission to get the place where I harvest and extract the honey. Just one week before I came here! So if you can find a find a single flower honey and create a demand, and the demand for what we are all doing here is growing, you can create leverage for whatever plant, tree or flower you are working with.

Giovanni Guido (Italia)
Sono un medico veterinario, apicoltore e rappresento qui un’associazione di veterinari per i paesi in via di sviluppo, l’AVEC torinese. Collaboriamo con Slow Food con consulenze veterinarie su alcuni presidi. Oggi vorrei parlarvi della mia esperienza in una comunità della Costa d’Avorio, gli Yacubà, dove sono stato ospite per 4 anni ed ho partecipato ad un progetto di implemento e modernizzazione delle loro tecniche di apicoltura. Gli Yacubà vivono nella regione delle 18 montagne, nella Costa d’Avorio al confine con la Liberia. Da due anni in Costa d’Avorio è in corso una guerra civile, l’area in cui ho lavorato fino al 2002 è al momento in mano a ribelli e non è raggiungibile. Ho cercato di contattare la mia comunità e di far venire qualcuno, ma purtroppo non è stato possibile per una questione di passaporti e visti. Quindi cercherò di essere un buon Yacubà e raccontarvi quello che facciamo là. La zona in questione è una zona di foresta guineiana primaria o secondaria, quindi con una grandissima biodiversità sia vegetale sia animale. L’ape è l’adamsoni, quindi è l’ape locale, l’ape africana, vive normalmente nelle cavità degli alberi. La prima pate del nostro lavoro è consistita dunque nel tentativo di portare l’adamsoni in cattività. Abbiamo costruito delle arnie, seguendo il modello Lamstrong, che probabilmente è quello che si adatta meglio ai climi tropicali. Abbiamo piazzato queste arnie nella foresta e con gioia abbiamo constatato che queste api preferivano le nuove sistemazioni agli alberi. Ogni anno circa il 50% delle arnie poste in foresta veniva riempito. Nel frattempo si è cercato di sviluppare la coscienza associativa degli apicoltori locali. Anche qui abbiamo ottenuto un rapido successo perché gli apicoltori si sono organizzati in cooperative ed associazioni. Alla fine dei 4 anni del progetto avevamo più di 100 apicoltori raccolti in due grandi associazioni. Per parlare di produzione posso dire che un’arnia Lamstong, colonizzata da un anno, è in grado di produrre quasi un centinaio di chili durante il secondo anno. Raggiungiamo tranquillamente i 50 chili di media, ma con punte molto più alte. Dell’ape africana se ne sente parlare molto male, soprattutto per la sua aggressività e per il male che ha fatto all’apicoltura dell’America del sud. Il nostro ecotipo è piuttosto docile: per motivi di precauzione nei confronti dei non apicoltori si tende a lavorare la notte e nonostante le arnie siano posizionate piuttosto vicino ai villaggi, addirittura in alcuni casi all’interno dei villaggi stessi, non abbiamo mai avuto casi di aggressione neppure il giorno successivo alla raccolta del miele, né durante la lavorazione del miele nei villaggi. Per arrivare al tema di oggi: noi eravamo immersi nella biodiversità e non era possibile in quella zona produrre miele monoflora, perché nella foresta primaria guineiana c’è veramente di tutto. Nel mese precedente la stagione delle piogge, tutto fiorisce e le api producono in un mese tutto ciò che producono nell’anno. Devo dire che non era neanche nostro interesse produrre un miele monoflora perché tutto il miele prodotto era destinato ai mercati locali, nel raggio di 120 kilometri. In un contesto come quello, purchè il miele sia di qualità e non abbia problemi di umidità o di residui, non è discriminante il discorso del monoflora o non monoflora.

Jurgen Binder (Germany)
Beekeeping in Germany today is more of a hobby. About 80,000 beekeepers, who are mostly male and 60 years and older, keep about 1 million beehives. In a country with about 80 million people, there are only about 300 professional beekeepers. These statistics prompt ourselves to ask a question: why so few? Bee keeping in traditional agriculture was practiced at each farm. There were five to ten beehives. The bees pollinate the fruit and produce honey for consumption. During the last 40 to 50 years, agriculture became more extensive, and the process of concentration of planting of fruits became more and more strong. The average size of a farm is 100-1,000 acres where they grow two or three crops only. Consequently, farmers do not continue to produce goods of lower quantity, and that’s why beekeeping has degenerated to become a hobby for most of the old farmers and only a few become professionals. How is the situation now for bees? After the main flourishing time in April and May, the bees are hungry because they’re no flowers, for these reasons we take the bees and put them in a different place. There are typically 4-5 different nectars in Germany such as acacia, linden, heather, chestnut and forest honey. The honey season continues on in June, July and August at which time, if the beekeeper keeps moving the hives, he could harvest 100 kilos of honey. Without moving the hives you get only 20- 30 kilos, which is obviously not enough to cover production costs. Unfortunately, many of the 80,000 hobby beekeepers do not move their hives so they don’t increase their income, either. Beekeeping in Germany is also in danger now due to the change in agriculture. There is little flowering in June, July and August. We only have maize which has a low quality pollen, as you know. Bees need to be cured, often using sugar, if you don’t move. Another problem is the increase of OGM seeds allowed for testing this year. Already OGM plants do not only affect the negative insects but also the bee-positive insects. Like in Spain and in France, the intention to spread OGM plants represents a great danger, which we are trying to contain. Beekeepers need to try to destroy OGM fields, which cause big difficulties. Of the 300 professional beekeepers, 100 are organic, and by regulation we have to avoiding any OGM agents in our honey. We need to diversify the flowers and honeys to keep the bees healthy. Instead, agriculture today is going in the opposite direction. In closing, let me quote Albert Einstein who once said three years after the bees die, mankind will also die. As you know bees are extremely in danger today. OGM situation represents a big threat. We have to hurry and take care of our bees.

Massimo Carpinteri (Italia)
Sono un apicoltore professionista e presidente di un’associazione regionale italiana, l’Aspromiele, che si occupa moltissimo di formazione ed assistenza tecnica. Esportiamo in tutta Italia le nostre capacità e stiamo creando, con la Regione Piemonte, un progetto per la Romania, dove andremo a fare assistenza tecnica e formazione, appunto, perché il nostro lavoro è sempre diretto e finalizzato alla qualità del miele e della produzione annessa. Vorrei far un intervento sul metodo, non tanto incentrandolo sulla mia esperienza, quanto sull’esperienza dell’Italia e dell’apicoltura italiana sui mieli monoflorali. L’Italia è un paese particolarmente votato alla produzione di mieli monoflorali, ne abbiamo tantissimi. Solo in Piemonte abbiamo 7-8 tipi di monoflora, più una serie di millefiori ben definiti, come quello di alta montagna, che hanno caratteristiche tali da avvicinarsi per certi versi ai monoflora. In Italia, però, gli apicoltori, fino agli anni ’60-’70, distinguevano il miele in chiaro e scuro. Commercialmente avevamo un miele chiaro in primavera ed uno scuro d’estate. Erano mieli spesso umidi, spesso non ben lavorati, che costringevano l’industria a pastorizzare e a commerciare un prodotto quantomeno liquido. Già alla fine degli anni ’70, grazie alla nascita di cooperative, grazie al fatto che gli apicoltori si sono riuniti e si sono scambiati esperienze, nasce la voglia di produrre qualità. Nella qualità era insita la voglia di produrre mieli monoflorali, cioè di specializzarsi e portare le api là dove si poteva produrre un certo tipo di miele. Nell’82, nella legge dell’apicoltura italiana compare una dicitura con un relativo disciplinare di produzione: miele vergine integrale, un miele di qualità superiore alla media. Questo marchio fu sfortunato, perché, già al tempo, fu osteggiato dai grandi invasettatori. In seguito, i due più importanti istituti universitari, con la più importante esperta di miele, fecero la categorizzazione di 14 mieli monoflora italiani. In italia si producono più di 14 mieli monoflora, ma quelli scelti erano i principali. I tanti apicoltori che volevano produrre qualità, ed erano tanti, visto che il ministero non riusciva a legiferare, crearono l’associazione, di cui io sono ora presidente, che, a spese degli stessi apicoltori, portò avanti nella comunità europea un discorso di marchio di qualità miele vergine integrale. Questo marchio creò il terrore nei grandi produttori di tutte le nazioni, soprattutto nel centro Europa, e creò una frattura netta tra produzione e commercializzazione. Però, essendo che le lobby degli industriali sono sicuramente più potenti di quelle dei produttori, la storia è andata per le lunghe: nel ’92 ancora non c’era un disciplinare di produzione chiaro; nel ’75 la CEE ricevette il progetto italiano di specialità territoriale garantita ed ancora oggi non abbiamo avuto una risposta definita. L’apicoltura tradizionale era tutta schierata per questo marchio miele vergine integrale, contro tutte le lobby industriali ed anche alcuni sindacati, teoricamente fatti da produttori, che dovrebbero tutelare i nostri interessi. L’esperienza che ci ha portato, anche se la storia non è ancora finita e forse non finirà bene, il lavorare in gruppo, insieme, sui mieli monoflora è stata importante. L’Italia importa ed esporta miele. Ma non a caso esporta i monoflora. Il discorso che non mi stancherò mai di ripetere è che serve qualità e specificità. In Italia è nato un albo nazionale di esperti organolettici di miele, riconosciuto dal ministero, che promuove corsi per gli apicoltori affinché essi imparino a riconoscere bene i mieli e la qualità del miele che stanno producendo, e promuove concorsi, per potersi confrontare. Credo che questo sia molto importante.

Aba Manneh (Gambia)
I’m have been a traditional beekeeper since childhood. We start by honey hunting then start developing our skills as modern beekeepers, using modern hives. I have been working with the Ministry of agriculture as an entomologist where I built my interest.
As you all know, The Gambia is a very small country, with a population of almost 1.5 million. The farming system is on an assistential basis, now we have started on a commercial basis. We have a beekeeping association called National Beekeeping Association. We are trying to get all the beekeepers under one umbrella association to make coding easier. We have a lot of trees in the country where we cite our hives. Mainly these are forest trees. But we are also trying to introduce it as much as possible in the agricultural system, for better pollination of crops. We know that crop yields can increase only if pollination takes place. Also trying to intro to the educational system with schools. I myself have almost 30 hives and harvest every three months. Under a conducive environment and good management practices I get 50 liters per hive. The NBA these days has 1,200 members, each of them doing their own beekeeping separately. It is busy coordinating and facilitating training to those keepers on harvesting methods, hive citing and hive construction, and so on. We have been producing single flower honey, but because beekeeping is still at an infant stage many people do not realize that it is single flower. There are still many traditional honey hunters who we are trying to take in to convert to modern systems. We have many mangroves plants along the riversides, where they cite the hives, so we make mangrove honey. There are also a lot of orchards, 1,200-1,300 hectares of orchards where the hives are cited. They are not only for honey production but for flower pollination. Regards to the north, it is very difficult to produce single flower honey because it is very dry and bees have a difficult time foraging their nectar, as some say, or pollen, as others say, or both pollen and nectar, too. We would love to as we have had good experiences with imported honey in the country. Indeed, single flower honey sells better than the other honeys. What with the small size of our land, since agriculture is growing and the demand for land is also growing, we thought we could start promoting single flower honey production. As much as possible, at a national level, we are in touch with other international organizations which have been assisting in training some of our members. Our national government now supports beekeeping for so many reasons. For that matter, we are now trying to link with other agencies who are more professional in trying to tap experiences and add them to what we have. This is the main reason why we are more interested in attending this workshop, as well as Apimondia in Belgium. We have been working with a lot of agencies there, too, on our own end. This is what we do at a national level. Thank you.

Bob Malichi (Zambia)
Good morning, ladies and gentlemen. In the area where I come from, we have lived with bees for hundreds of years. My grandfather was a beekeeper, my father was a beekeeper and I am a beekeeper. In 1979 the government policy was to look at rural areas to see how they could be developed. An integrated development program was set up, with the focus on agriculture. I joined the integrated rural development program in 1980 and beekeeping was one of the programs that the local people had lived with and known for many years. Then in 1988 the local communities felt that the only way they could harvest the forest in a sustainable way was to establish a sustainable market. And the only way they could establish a sustainable market was to privatize the government project that had been set up. So there were a lot of negotiations between the communities and the government and eventually the government agreed the honey project should be privatized with the beekeepers owning the majority of the shares in that project. After that, we had another problem: we were producing too much honey for the country to absorb. So we started looking for other markets and so in 1990 we began exporting to Europe. In the same year, we got organic certification and in 2001 got Fair Trade Certification. Now production has risen from the time it was started. When I joined the North Western Bee Product there were less than 500 beekeepers. Today we have 6,472 beekeepers. Those are people who collect the honey from the forests and then bring it to the collection points. And they earn an income. Beekeeping has been sustainable and viable in my area. It has helped us to keep our forests intact. In many places forests have disappeared to make charcoal for fuel, because people have to make an earning somewhere. In my area, we decided that be keeping bees we will be able to look after the forest, and the forest will look after us. The forest is our income at the same time, the bees will find their sanctuary. So we all benefit, and we all know and respect this balance. Without the trees there can be no cash income. In doing so, I have seen a big increase in the production of honey in the last two years. A lot of youths are not able to afford schooling, so either they become self-employed or they end up as street-kids, stealing and living off the street. So beekeeping offers an opportunity for self-employment and we have to look for new markets especially outside our country. So when you buy and eat our honey, you are actually helping us to sustain ourselves, to sustain our forests and to sustain the insects that give us the cash income.

Ilaria Cometto (Italia)
Lavoro al CONAPI, Consorzio Apicoltori e Agricoltori Biologici Italiani, e mi occupo della qualità del miele. La legge italiana permette, accanto alla denominazione miele, di dare informazioni circa l’origine botanica del prodotto e quindi di quali sono le fioriture prevalenti in quel tipo di miele. Il miele infatti non è uno solo, ma esistono tanti tipi di miele quante sono le combinazioni tra specie vegetali esistenti. In particolare si parlerà di mieli monoflorali quando una fioritura sarà prevalente sulle altre nella produzione del miele. Le denominazioni botaniche che attualmente sono conosciute ed utilizzate in Italia sono circa una ventina e riguardano mieli monoflorali che sono stati lungamente studiati e caratterizzati. Per ognuno di questi mieli esiste una scheda di caratterizzazione edita dal Ministero per le Politiche Agricole e Forestali. Si può quindi parlare di miele monoflorale quando il prodotto è riconoscibile attraverso alcuni parametri analitici ben precisi. In realtà non esiste una legge che faccia esplicito riferimento a queste schede che però vengono usate normalmente come riferimento. Le schede in questione riportano informazioni sulla pianta, sulla sua diffusione sul territorio e sulle caratteristiche chimico-fisiche ed organolettiche del miele che ne deriva. Le schede di caratterizzazione sono state edite per la prima volta nel 1986 per 12 tipi di miele monoflorali e nel 2000 sono aumentate a 18. Ci sono poi altri tipi di miele monoflorale che sono di più difficile tipizzazione e la cui caratterizzazione è in corso di ricerca. Quello che vorrei sottolineare con il mio intervento è l’importanza che ha per un miele che venga descritta la sua origine botanica. Questo perché è fondamentale comprendere la diversità dei vari tipi di miele in base ai pollini, ma anche in base al territorio di origine, e questo è importante sia per il consumatore sia per il produttore. Inoltre conoscere l’origine botanica di un miele serve anche a definirne i parametri di qualità.
Per quanto riguarda la difesa della biodiversità, non solo la produzione di miele monoflora, ma l’apicoltura in generale è un’attività ecocompatibile: da un lato c’è l’atteggiamento dell’apicoltore che acquisisce una sensibilità e un’attenzione alla conservazione e preservazione dell’ambiente naturale in cui opera, dall’altra parte è importante il ruolo d’insetti impolinatori operato dalle api, sia per la riproduzione delle piante coltivate sia per quella di quelle selvatiche.

Francesco Panella (Italia)
Sono un apicoltore di mestiere, vivo in Piemonte allevando 1000 alveari. Sono anche Presidente dell’Unione Nazionale Apicoltori Italiani. Sono un cooperatore italiano di Sin Fronteras e sono qui perché sono entusiasta di Terra Madre. Dico questo perché non condivido il titolo di questo seminario che mi sembra riduttivo. Il titolo di questo seminario dovrebbe essere: la diversità dei mieli nel mondo per la difesa e lo sviluppo della biodiversità, la lotta alla fame, ecc… I mieli! Vorrei proporvi due o tre riflessioni. Abbiamo visto che l’apicoltura nei paesi ricchi non è così assistita come lo sono altri aspetti dell’agricoltura e dell’allevamento. Esistono programmi di sostegno negli USA, qualcosina in Europa, ma noi apicoltori europei non dipendiamo dall’elemosina di stato per sopravvivere e per competere. Il miele è un dolcificante, il più antico del mondo, un alimento fondamentale rispetto alla fame, con una tecnologia semplice per produrlo. Noi qua dobbiamo affermare che la diversità dei mieli nel mondo ha come primo elemento fondamentale il fatto che non ci siano dazi, dogane e che non sia gravato lo scambio. Il miele, però, nel mondo ricco, non è più i mieli, è diventato qualcosa senza anima, senza storia, senza uomini, senza ambiente dietro, è diventato uguale ad una miscela di zuccheri di mais. Non ha più un’identità. Il miele, negli USA, lo scegli a seconda del vasetto: l’orsetto, la papera, lo stick. Non ha più storia, è qualcosa che ha perso l’identità. L’identità di un miele ora dipende solo dal confezionatore, da chi lo porta sul mercato. Allora quello che dico è che affinché ci siano mieli nel mondo, bisogna mettersi d’accordo perché ci siano regole mondiali, comuni, giuste. La prima di queste regole, fondamentale, per lo sviluppo del consumo nei paesi dove si usa tanto il miele, nelle comunità dove è di tradizione, dev’essere che il miele non può essere tagliato, non ci si deve poter aggiungere nulla. Questo è fondamentale per difendere la diversità dei mieli. Io ho visto sui mercati di tanti paesi del mondo, anche in Europa, sebbene ci sia una legge che lo vieta, mieli tagliati. Questo dev’essere il primo punto fermo. Il secondo punto è quello di definire insieme che cosa vuole dire la contaminazione del miele. E questo sarà il tema dell’incontro che faremo domani, ma che è fondamentale perché è ciò che sta dividendo in due il mondo. Il terzo aspetto è la necessità di definire insieme che cos’è un miele organico, biologico. Esistono per questo due interpretazioni completamente diverse: una che lo lega esclusivamente al pascolo, alla pastura e alla naturalità dell’ambiente ed un’altra che, come per le altre produzioni biologiche, connette l’organicità a quello che l’apicoltore fa e a come tratta le sue api. Allora torniamo al punto: perché possano esserci mieli nel mondo, devono esserci norme nel mondo che difendano l’esistenza dei mieli. Solo a quel punto emergerà il magnifico miele della Costa d’Avorio, piuttosto che i millefiori del mondo, che sono dei patrimoni dell’umanità tanto quanto i monoflora. Scopriremo, se insieme sapremo ottenere le regole, che nel miele, come in tutti i prodotti alimentari, c’è la natura, c’è l’ingegno, c’è la capacità, l’energia e la forza dell’uomo. Ed è da questa energia che nascono i mieli monoflora e millefiori. Quando io ho cominciato questo mestiere esistevano due mieli: quello della primavera, chiaro, e quello scuro dell’estate. Adesso esiste qualche miele diverso, noi vogliamo fare sì che ne esistano tanti, ma questo dipende anche da come sono presentati, da quello che il consumatore può conoscere di quel miele attraverso l’etichetta. Ci sono tanti aspetti, compresa la cura di come presentiamo il prodotto sul mercato, che noi dobbiamo regolamentare, definire ed affermare. Esiste un Mcmiele esattamente come l’hamburger, ed è la miscela industriale. Noi dobbiamo invece affermare la diversità e per farlo abbiamo bisogno di regole. Il mondo dell’apicoltura è un mondo ricco di umanità e di capacità associativa e dobbiamo fare come quando vediamo arrivare un temporale che ci ruba il raccolto: dobbiamo metterci insieme e soffiare.

Remy Vandame (Chiapas, Mexico)
Buenos días a todos. Mi nombre es Remy Vandame, soy francés pero vengo de México, trabajo allí como investigador en una institución que se llame el Colegio de la Frontera Sur, en Chiapas. Allí trabajamos mucho con cooperativas de apicultores de México y Guatemala. Una vez más en Italia me impresiona el activismo de los amigos italianos: ya lo conocía entre los apicultores, ahora lo descubro en un nivel más grande. Felicidades por este evento. Hace unos día leí un artículo en la revista científica Science en el que estaban explicando que los servicios ambientales que provee la naturaleza tienen un valor de 33.000 millones de millones de dólares y esto representa 2 veces el producto interno bruto del planeta. Este es el valor de los servicios ambientales que provee el planeta. Como se hizo el cálculo no lo sé pero en estos podemos incluir muchos servicios como la limpieza del aire que hacen las selvas, la limpieza del agua que hacen los ríos y también la polinización de las abejas. Esto lo menciono porque estamos en un mundo liberal donde tenemos que dar un valor a las cosas que queremos defender y en el marco concreto de este seminario tenemos que dar un valor económico a la biodiversidad si queremos defenderla. No es mi posición, yo creo que tenemos que defender la biodiversidad en si, por un aspecto filosófico-ético, pero estamos en un mundo neoliberal donde podemos defender la biodiversidad si le damos valor, y este valor se lo vamos a dar en particular gracias a las abejas. Aquí quiero dar 2 ejemplos concretos que estamos viviendo en México, en Latino América en general, en los cuales las abejas están dando un valor económico a la biodiversidad. El primer caso es el cultivo del café. Tal vez no todos lo saben, el sector del café hoy está en crisis, el precio a nivel mundial está bajando de manera continua desde 4 o 5 años. Sin embargo el cultivo de café es muy protector de la biodiversidad porque el café es un cultivo de sombra, por eso encima del café necesitamos conservar árboles, diversidad de vegetación y esto nos permite conservar aves, mariposas, abejas, orquídeas. Si el precio del café baja, los productores van a cortar el café, cortar árboles y vamos a perder mucha biodiversidad. La apicultura es una alternativa interesante para salvar el cultivo de café y la biodiversidad asociada con la producción de café. Gracias a las abejas vamos a obtener un producto del cultivo del café que no es el café, otro valor del cultivo del café y así vamos a poder conservar la biodiversidad. Es muy importante desarrollar la apicultura en las zonas cafetaleras. Ahora no podemos producir miel y punto. Tenemos que producir una miel más característica de una región, de un producto. En este caso lo que estamos desarrollando como proyecto de investigación es la caracterización de la miel de café, no la miel de cultivo de café sino la caracterización de la miel de flor de café. Es algo difícil porque la flor de café tiene una floración muy corta (8-10 días), son técnicas que se conocen bien aquí en Europa, relativamente poco en Latino América todavía. Resumiendo la idea es producir miel de café para dar valor al cafetal, para conservar la biodiversidad que hay en el cultivo de café. Este es uno de los proyecto de investigación en el que estamos involucrados actualmente. El otro caso que querría presentar ya no se refiere a diversidad vegetal sino a diversidad de abejas: creo que aquí, desde esta mañana, las abejas que hemos comentado son las abejas ‘apis melliferas’, que está aquí en Europa, las más conocidas en el mundo, pero hay muchas otras abejas, en particular están las abejas sin aguijón (Meliponinae). En el mundo hay aproximadamente 300 especies de abejas, también estas abejas sin aguijón producen miel, pero es un miel distinta de la que conocemos, de abejas apis mellifera. Entonces hay necesidad de conocer más de estas abejas sin agujón, conocer las técnicas de producción de miel. Una cosa que falta es conocer más la miel de abejas sin aguijón para desarrollar el mercado de miel de abeja sin aguijón. No entro en mucho más detalles aquí, pero un proyecto que estamos empezando también es caracterizar la miel de 3 especies principalmente: Melipona beecheii, que se llama en México abeja real; Scaptotrigona mexicana, que se llama comúnmente Abeja Congo y Tetragonisca angustula, que es la abeja doncellita. Me dio gusto ver desde ayer con otros colegas de México que en Brasil hay un proyecto de desarrollar la producción y caracterización de miel de abejas sin aguijón, que es un proyecto en el que estamos involucrados también. Para terminar, es esta la idea central: dar un valor económico a la biodiversidad para poderla conservar. es una visión a corto plazo y a mediano-largo plazo espero que queramos de verdad conservar la biodiversidad en si, porque es importante la biodiversidad, sin tener un valor económico de por medio.

Antonio Machedo Pinto (Brasile)
Sono presidente di un’associazione di produttori di una valle del nord del Brasile. Quest’associazione ha iniziato con 10-15 apicoltori che al tempo, 2 anni fa, non avevano tecniche né conoscenze. Oggi invece l’associazione conte più di 100 apicoltori che arrivano da tutto il territorio. Siamo sostenuti dall’ong CAVI, che ha come obiettivo quello di sostenere l’agricoltura familiare. Abbiamo iniziato senza avere nessun appoggio ed oggi abbiamo raggiunto un buon potenziale per la produzione di miele, grazie a questa ong. La regione in cui produciamo è secca, una regione di foreste, ed il miele che produciamo è di tipo silvestre. La produzione di quest’anno è stata di 40 tonnellate di miele e il salario di un agricoltore è ora di circa 70 dollari. Attualmente stiamo facendo alcuni periodi di apprendimento presso aziende della zona per produrre miele di eucalipto, che ha una fioritura molto abbondane nella zona. Il nostro miele viene venduto da intermediari, ma abbiamo un progetto con il Banco do Brasil per la costruzione di un locale di lavorazione del miele che possa permetterci sia di vendere al mercato locale sia di esporare. Questo è un piccolo racconto della nostra esperienza, per noi è stato un risultato molto importante aver prodotto queste 40 tonnellate di miele di eucalipto e di carbone.

Luis Herrera (Guatemala)
Buenos días, mi nombre es Luis Herrera. Soy representante de una cooperativa de apicultores de Guatemala. Voy a contarles brevemente de las experiencias que hemos tenido en nuestra organización. Esta tiene 17 años da haber sido fundada, se inició agrupando a 22 apicultores que producían 15 toneladas de miel. Actualmente somos 130 apicultores que producimos 250 toneladas. A lo largo de la historia de nuestra asociación recibimos fuerte impulso habiendo logrado comercializar desde hace 11 años nuestro producto a través del comercio justo. Fue un impulso bastante grande que tuvo nuestra organización y actualmente estamos agrupando más apicultores incluso es una de las organizaciones libres en Guatemala. En los 2 últimos años hemos recibido bastante afluencia de otros grupos de productores interesados en desarrollar miel en este país. Junto con este crecimiento en cuanto a número, actualmente en Guatemala se experimenta un fuerte crecimiento de la apicultura; nuestra asociación, que se llama “Copiasuro” (Cooperativa de Producción Integral Apicultores del Sur Occidente), está desarrollando diversos aspectos y proyectos, uno de estos lo tenemos en colaboración con ECOSUR, al que pertenece Remy Vandame, que escuchaste antes. Con ellos estamos trabajando a las caracterizaciones de las mieles. En este sentido se han identificado muchos tipos de miel, uno de estos es el sistema café. Otra miel que ya fue posible comercializar con CONAPI es la miel de montaña, una miel polifloral pero con características muy especiales porque se produce en alturas que van de 1400 a 1700 metros, es una miel muy especial. Luego tenemos identificados otros tipos de mieles con distintas características, hay una miel laurel, campanía, con distintas floraciones, miel evea, que es una planta cultivada. Nos llama la atención la idea desarrollada por Terra Madre y también participamos de manera conjunta con el proyecto Cooperativas sin Fronteras.

(Brasile)
Vengo dalla città di Semplicio Mendes, nello stato del Piauì, Brasile. Appartengo ad un’associazione di apicoltori che ha iniziato un progetto di allevamento di api grazie all’intervanto di un padre tedesco, proveniente da Berlino, padre Gerardo. L’associazione è stata fondata nel 1994 e opera in piccole comunità con piccole famiglie di produttori. Con il tempo è nata la necessità di costruire un luogo dove lavorare il miele e prepararlo all’esportazione. Attualmente esportiamo in Italia, per Libero Mondo, una cooperativa di commercio equo e solidale, e negli Stati Uniti. Un importante risultato che abbiamo raggiunto è stato che gli apicoltori che prima allevavano senza consapevolezza, ora sono molto interessati e molto coi volti nella conservazione dell’ambiente naturale. Abbiamo un progetto di ripopolamento di alberi nativi, percui ogni anno piantiamo 40 mila alberi che poi distribuiamo tra i produttori di miele. Lavoriamo soltanto con piccoli produttori e l’apicoltura è diventata una diversificazione delle fonti di reddito per piccole famiglie che prima sopravvivevano solo grazie all’agricoltura. Grazie a questa attività oggi la vita di queste famiglie e delle comunità è migliorata molto. Le porte della nostra cooperativa sono sempre aperte per chi volesse conoscerci.

Mike Gill (England)
I am from an over-developed country called England and am also from London. I’d love any of you to come and speak to me whenever you can. Beekeeping in England, like in Germany, is on the decline for the last 20-30 years. We are less than 8,000 registered beekeepers in the UK! I got into it by accident over 10 years ago. That’s a story to tell over a beer. I decided to make a living out of beekeeping, just when everyone else was leaving. That’s just the way I am. Today I’m having success with beekeeping and bee products in London where I live and am happy to share why. Nobody has mentioned pollen today. Why do people want pollen? Because it helps them get over hay fever. Everyday people ask me whether my honey has pollen in it. I have to give advice with it being medical advice. Also, while you’ve been discussing mono-floral honey, in London I’m spoiled because I’ve found that I have everybody’s gardens, all the parks, and trees such as Bushy Park or Richmond Park. So it’s multi-floral. I’m the keeper to the royal parks. People buy the honey because of the locale. The pollen in the locale will get back into the honey to give them a sort of homeopathic support for their own health. I come from a place where we’re supposed to know what we’re doing, and we don’t. You’re welcome to chat with me about how I produce my honey, how I sell to market, who I allow to sell my products alongside me, and even sample some Bushy Park honey or see my presentation, I’m more than happy to meet with you after.
 
 
 Consenso privacy
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab