Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
Tutti frutti

Un viaggio attraverso gli Orti in Condotta italiani, una festa nazionale alla riscoperta della frutta buona e di stagione…

Da sempre l’11 novembre è l’ultimo giorno dell’anno agricolo. Messi a riposo gli orti, deposti gli strumenti di lavoro, i contadini si preparano a festeggiare l’estate di San Martino. E quale giorno migliore se non questo per celebrare l’orto Slow Food?

Anche quest’anno, l’11 novembre oltre 9.000 bambini di più di 400 classi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado di tutto lo stivale, i genitori, i nonni, gli insegnanti e i produttori della rete di Terra Madre si sono dati appuntamento per la festa nazionale dell’Orto in Condotta, giunta alla sua quinta edizione.

Grande protagonista è stata la frutta, tema dell’edizione 2012. Produzione, stagionalità, trasformazione e consumo sono stati solo alcuni degli spunti da approfondire nel corso della giornata. E c’è di più. Bambini e famiglie si sono destreggiati tra giochi enigmistici che hanno messo a dura prova la loro conoscenza del mondo frutticolo, degustazioni di frutta fresca o trasformata, lavori negli orti, incontri con i produttori, grandi macedonie, castagnate o messa a dimora degli alberi.

«Mi sorprende come siano pochi i bambini che riconoscono la mela renetta o pensare che tra i frutti più conosciuti dai bambini ci siano banana, ananas, mango e papaya!» racconta con curiosità Valentina Gucciardo, referente degli Orti in Condotta di Livorno. «Allora ci siamo dati da fare e per festeggiare l’orto abbiamo seminato grano antico e fave. Una soddisfazione grandissima! Quando le maestre non guardano l'orologio e impugnano zappa e vanga vuol dire che abbiamo lavorato bene, il messaggio è arrivato e il percorso si preannuncia ricco e interessante».

Ma come ha festeggiato il resto dello stivale?

La Liguria ha mantenuto il primato di orti attivi e partecipanti alla festa. A Borghetto di Vara, in provincia di La Spezia, è stato inaugurato l’orto rinato dopo l’alluvione che ha devastato le Cinque Terre il 25 ottobre del 2011.

Molto più a sud, è stato grande l’entusiasmo anche in Campania, dove i giovani studenti di ben 11 scuole sono stati coinvolti nel gioco dei Presìdi Slow Food: «L’idea è nata dalla volontà di far conoscere ai bambini i prodotti tutelati da Slow Food nella loro regione. Il gioco consisteva infatti nell’associare l’immagine del prodotto al nome del Presidio e poi posizionarla sulla cartina della Campania» ci ha raccontato Giuseppe Orefice, referente dell’educazione per Slow Food Campania e fiduciario della Condotta di Massico e Roccamonfina, in provincia di Caserta. E non finisce qui: i bambini sono stati invitati ad “adottare un Presidio”, ovvero a scegliere quello che preferiscono e studiarlo durante l’anno, coinvolgendo non solo gli insegnanti ma anche le famiglie con interviste ai nonni e ricerche sul campo.

Anche la Sicilia non si è tirata indietro e ha risposto con altrettanta fantasia: i bambini della scuola dell’infanzia Gianni Rodari di Caltanissetta hanno dato spettacolo con una rappresentazione teatrale che ha ripreso il tema proposto a livello nazionale e hanno festeggiato con torte e preparati a base di frutta portati dai genitori. I colleghi della primaria Michele Abbate – ancora a Caltanissetta –, oltre a divertirsi con i giochi sulla frutta, hanno costruito alcuni aquiloni che hanno fatto volare per diffondere il messaggio: “Chi mangia bene e genuino vola leggero”.

Arrivederci quindi al prossimo anno!

455 orti in 200 comuni d’Italia con oltre 34.000 bambini coinvolti. Sono questi i numeri del progetto Orto in Condotta che, attraverso il rapporto diretto con la terra, educa i bambini a scoprire il piacere del cibo, il valore della biodiversità e il rispetto dell’ambiente.

Per saperne di più: www.slowfood.it/educazione


 Archivio
 
 
 
 
 
 
 Consenso privacy
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab