Terra Madre Terra Madre - Choose your language Ministero delle politiche agricole forestali Regione Piemonte Comune di Torino Slow Food
Sinassar

In Mali, una frittella delle feste quasi dimenticata rivive durante il Terra Madre Day…

Il sinassar è un piatto tipico della città di Djenné, nel Mali centrale. Veniva tradizionalmente preparato in occasione di eventi importanti, quali matrimoni, feste religiose (come il tabaski, meglio noto come aid el adha, e il ramadan), o per l’arrivo di un ospite di riguardo.
Oggi le giovani donne stanno dimenticando questa ricetta, che rischia di scomparire; in occasione del Terra Madre Day la cuoca Kadidia Djenepo ha quindi organizzato un laboratorio di cucina rivolto alle giovani di Djenné per insegnare loro a cucinare questa particolare frittella di farina di riso.

Ingredienti per 4 persone:
un chilo di farina di riso
125 gr di riso bianco
mezzo cucchiaio di lievito
125 ml olio per friggere oppure 125 gr di burro
un cucchiaino di sale
un l d’acqua

Preparazione:
Cuocere i 125 gr di riso in mezzo litro d’acqua per circa 30 minuti, mescolando spesso, finché diventa una sorta di crema densa. Lasciar raffreddare la crema. Setacciare la farina di riso; versare quindi crema e farina in un’insalatiera e lavorare a mano l’impasto. Aggiungere sale, lievito, mezzo litro d’acqua e mescolare bene il composto, che risulterà piuttosto liquido. Lasciar riposare due ore.
Porre una noce di burro o un filo di olio in una padella ampia dal fondo piatto; lasciare riscaldare il burro o l’olio e versarvi due mestoli di impasto: la cottura richiede circa 10-15 minuti a fiamma bassa (appariranno delle bolle sulla superficie della frittella), trascorsi i quali si ultima la preparazione del sinassar capovolgendo la frittella e lasciandola cuocere per un altro minuto. Se necessario, inumidire il lato già cotto con un po’ d’acqua.
Ripetere l’operazione fino a esaurire l’impasto.

Il sinassar può essere accompagnato con miele, zucchero, oppure con sughi di carne di pecora, manzo, pollo o pesce.

L’impasto viene tradizionalmente lavorato in una calebasse oppure in un recipiente di legno, sulle cui pareti si spalma del midollo per evitare che il composto di riso e acqua vi resti incollato. Aggiungendo pochi grammi di midollo all’impasto si conferirà quindi al sinassar il suo caratteristico sapore.

 Archivio
 
 
 
 
 
 
 Consenso privacy
Fondazione Terra Madre C.F. 97670460019 • Note legali Powered by Blulab